Marocco On Road

STRADE NEL MONDO: le grandi catene montuose - Rif - Medio Atlante - Alto Atlante - Anti Atlante

dal 25 Aprile al 5 Maggio 2019 (ISCRIZIONI APERTE)

 

 

 

Programma di viaggio

1° giorno: Milano Malpensa - Malaga - Tangeri (140 km)

Ritrovo dei partecipanti all'aeroporto di Milano Malpensa alle ore 10.00. Partenza del volo Easyjet da Milano alle ore 11.45 ed arrivo a Malaga alle ore 14.20. All'aeroporto la nostra organizzazione provvederà al trasferimento dei partecipanti nel luogo ove sono situati i motocicli trasportati dall'Italia. Una volta effettuato il cambio di abiti e caricate le moto, partiamo percorrendo l'autostrada fino ad Algeciras; trasferimento con il traghetto per Tangeri dove, una volta sbarcati ed effettuate le formalità doganali, raggiungiamo il nostro hotel. Cena e pernottamento in Hotel.

2° giorno: Tangeri - Fes (300 km)

La giornata inizia con la strada che partendo dalla costa sale sempre più in quota attraverso i primi rilievi del Rif passando per Tetouan e Chefchaouen, due graziosi centri abitati. Da qui in poi percorreremo solo strade panoramiche che si snodano attraverso un dedalo di curve tra un rilievo montuoso e l'altro, valicando in successione diversi passi in quota ad oltre 1.000 metri. Terminati i rilievi del Rif coi suoi numerosi invasi artificiali creati per irrigare i campi coltivati arriviamo a Fes, la prima delle mitiche Città Imperiali. Cena e pernottamento in hotel.

3° giorno: Fes - Midelt (210 km)

Dedichiamo le prime ore del mattino alla visita della città storica prima di partire per la catena montuosa del Medio Atlante. Attraversiamo l'area boschiva più estesa del Marocco. La vegetazione cambia completamente: i terreni coltivati a cereali lasciano il posto ad estesi boschi di abeti e cedri; questa è la roccaforte delle tribù berbere che parlano la lingua tamazight. La biodiversità di fauna e flora del Medio Atlante fa dell'area una significativa meta turistica dove poter ammirare le bertucce (una scimmia originaria del Marocco). Passiamo per Ifrane (centro sciistico invernale) e Azrou, città berbera. Meta della giornata è Midelt, una città minerarria sviluppatasi nel XX sec. ad opera dei francesi. Cena e pernottamento in hotel.

4° giorno: Midelt - Merzouga (240 km)

Tappa significativa per la caratteristiche naturali delle aree attraversate. I paesaggi mutano costantemente ed ora ci troviamo al cospetto delle più alte montagne del Marocco, l'Alto Atlante con oltre 10 cime di 4.000 metri. Incontriamo numerosi Ksar (villaggi fortificati), molti dei quali ancora in ottimo stato. Arriviamo alle Gole dello Ziz, il Grand Canyon del Marocco - splendida la strada sinuosa che dal Tunnel del Legionario, alla fine delle gole dell'Atlante, prosegue in una area di radure verdeggianti con palmeti che fiancheggiano il quieto fiume che scorre fino ai confini del deserto sahariano. Più a sud, oltre Er Rachidia, la porta del deserto, arriviamo alla splendida sorgente blu di Meski: una piscina naturale d'epoca medioevale, un tempo punto di sosta nel deserto. Oggi l'antica città di Meski è abbandonata, rimangono solo le antiche mura della Kasbah, che sorge lungo le acque sotterranee del fiume Ziz. L'acqua del fiume fuoriesce dalla montagna e alimenta le piscine d'acqua calda. Qualche chilometro più a sud si trova un'altra sorgente naturale, luogo idela per un bel bagno rinfrescante. Il fiume prosegue nel suo corso per poi perdersi nel deserto dopo aver attraversato la regione del Tafilalt punteggiato da innumerevoli Kasbah. Arrivo previsto a Merzouga, ai margini dell'Erg Chebbi, nel primo pomeriggio per assistere al tramonto sulle dune di sabbia. Cena e pernottamento in un campo tendato.

5° giorno: Merzouga - Ouarzazate (355 km)

Tappa di paesaggi lunari ai margini del deserto, lungo i Jebel Ougnat e Sarhro. Partiamo da Merzouga verso Ovest passando dai villaggi di Messisi e Alnif fino a Tinerhir, situata alla fine delle gole del Todra. Percorriamo poi una strada che si snoda attraverso innumerevoli villaggi fortificati costruiti sulle sponde dei fiumi Todra e Dades. Nel tardo pomeriggio arriviamo a Ouarzazate, una località celebre fin dagli anni '60, utilizzata da registi di fama come location di film di successo internazionale, uno su tutti "Il Gladiatore". Cena e pernottamento in hotel.

6° giorno: Ouarzazate - Agadir (370 km)

Partiamo da Ouarzazate in direzione ovest e dopo pochi chilometri possiamo ammirare la Kasbah di Tiffoultoute ancora ben conservata. Poco oltre è d'obbligo una deviazione verso la Kasbah di Ait Benhaddou, L'arrivo a questo splendido sito lascia senza respiro, lo scenario è sicuramente uno dei più spettacolari dell'Atlante marocchino. Tecnicamente è uno Ksar, un raggruppamento di Kasbeh collettive e di altri edifici all'interno di mura difensive. Merita certamente una visita. Riprendiamo il percorso ora verso sud per raggiungere Tazenakht da dove comincia poi la salita verso il passo di Tizi n'Taghatine (1.886 metri). Si susseguono paesaggi di grande fascino mentre la vegetazione prima rada ora torna a rinfoltirsi. Da Taroudant, la strada inizia a scendere fino a raggiungere la costa atalantica ad Agadir. Cena e pernottamento in hotel.

7° giorno: Agadir - Essaouira (185 km)

Nuovo giorno e ancora scenari differenti, Oggi transitiamo sulla strada che parte da Agadir in direzione nord toccando l'Oceano Atlantico in diversi punti. Abbandoniamo l'area desertica lasciandoci alle spalle il terreno ricoperto di Euphorbie, simili alle acacie per trovare immense distese di ulivi e arganie, rinomate per l'estrazione di olio dai loro frutti di colore arancio, di cui le capre sono ghiotte. Passiamo Cap Rhir percorrendo una strada panoramica per poi attraversare la valle dell'Assif Tinkert dove, grazie alla presenza di acqua freatica e al clima mite, si trovano piantagioni di banane. Proseguiamo per Cap Smimou, con il suo mercato domenicale e l'omonimo villaggio popolato d'estate dai pescatori berberi Habah, e successivamente visitiamo la splendida spiaggia bianca silicea presso il marabout Sidi Kaouiki. Poco più a nord un breve sterrato conduce alle bellissime dune sul mare di Diabat e Cap Sim. Meta della giornata è la spendida Essaouira. Cena e pernottiamo in hotel.

8° giorno: Essaouira - cascades d'Ouzoud (390 km)

Oggi la tappa è lunga ma le strade non sono impegnative. I primi 200 km per arrivare a Marrakech scorrono attraverso la piana del Bahira Jeilet, una lunga striscia di asfalto affiancata da campi coltivati. Arriviamo a Marrakech e dedichiamo qualche ora alla visita della città. Ripartiamo verso est fino a Demnate, dove ci soffermiamo nei pressi del ponte di roccia naturale di Imi n'Ifri, dove l'omonimo oued, affluente del Lakhdar, passando per una profonda grotta carsica, attraversa sotterraneamente la catena montuosa dell'Alto Atlante. Da Demnate la strada ricomincia ad essere "guidata", con curve in salita sui primi rilievi dell'Atlante. La tappa termina nei pressi delle spettacolari cascate di Ouzoud. Cena e pernottamento in hotel.

9° giorno: cascades d'Ouzoud - Meknes (330 km)

Al mattino visitiamo le cascate d'Ouzoud, le più grandi del Nord Africa e uniche nel Maghreb. Qui l'oued Ouzoud si getta in una conca profonda 110 metri formando diversi piccoli laghi, collegati uno con l'altro da cascate. Ritorniamo in sella alle moto per un percorso panoramico che attarversa il Medio Atlante. A Casbah Tadla possiamo ammirare il vecchio ponte di argilla pressata sull'oued er Rbia costruito 300 anni fa da Moulay Ismail. Nel pomeriggio arriviamo a Meknes, una delle città Imperiali del Marocco. Cena e pernottamento in hotel.

10° giorno: cascades d'Ouzoud - Meknes (330 km)

Partiamo di primo mattino per la tappa pià lunga del tour. Dopo pochi km arriviamo a Volubilis, il sito archeologico più noto del Marocco, testimonianza della radicata presenza imperiale romana. La strada continua tra i boschi del Rif marocchino fino a Chefchaouen e Tetouan. Raggiungiamo il porto di Ceuta per l'imbarco alla volta di Algeciras. Una volta sbarcati in Spagna, percorriamo gli ultimi km per raggiungere Torremolinos, meta della nostra tappa. Cena libera e pernottamento in hotel.

10° giorno: Torremolinos - Malaga - Milano Malpensa

Consegna delle moto all'organizzazione che successivamente provvederà al loro trasporto in Italia. Con un minibus ci spostiamo all'aeroporto di Malaga.
Partenza del volo Easyjet da Malaga alle ore 10.00 ed arrivo a Milano Malpensa alle ore 12.30.

 

NOTE DI VIAGGIO IMPORTANTI

 

PER INFO: TEL. +39-3355340456 / INFO@OSSERVANDOILMONDO.COM

MODULO DI ISCRIZIONE (Scarica in formato word).

 

QUOTE DI PARTECIPAZIONE

LE QUOTE COMPRENDONO

LE QUOTE NON COMPRENDONO

NUMERO MINIMO PARTECIPANTI:  12

^ Torna al catalogo viaggi